Pillole di Viagra per curare i dolori mestruali, i risultati di uno studio

viagraStudi recenti hanno dimostrato che l’utilizzo del Viagra da parte delle donne può aiutare a diminuire i dolori accusati durante il ciclo mestruale. Grazie all’utilizzo del principio attivo presente nella pillola blu, conosciuta dalla maggior parte degli uomini che soffrono di disfunzioni erettili, molte donne potrebbero risolvere le loro problematiche legate ai crampi mestruali.

Il Penn State College of Medicine ha parlato per la prima volta di questa possibilità e dell’effetto positivo che la pillola blu avrebbe sul fisico femminile. In molti si domandano come sia possibile che un farmaco creato per risolvere problemi di impotenza possa aiutare le donne a soffrire di meno durante il proprio ciclo mestruale, e questo studio ha cercato di dimostrare il perché. Il Sildenafil, infatti, sembra che sia in grado di alleviare i dolori femminili al livello pelvico, fastidi come la dismenorrea primaria, che colpisce molte donne.

Gli effetti dilatativi a livello di vasi sanguigni permetterebbero al principio attivo del Viagra di alleviare i dolori femminili durante il ciclo mestruale. Le donne devono assumere il farmaco in modo differente dagli uomini, ovvero per via vaginale. Lo studio in questo senso è stato portato avanti da alcuni professori della Penn State con l’aiuto del Nova Gradiska General Hospital in Croazia. Lo studio è stato portato avanti su 29 pazienti di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Si trattava di pazienti che soffrivano (a differenti livelli) di problemi di dismenorrea.

Di queste donne, 25 sono state scelte casualmente per essere sottoposte ad una terapia a base di Sildenafil o con un placebo. Le pazienti sono state monitorate nel periodo seguente all’assunzione del farmaco, e non sono stati riscontrati effetti collaterali legati al successo dell’azione del principio attivo. Una volta terminato lo studio si è formulata l’ipotesi che la possibilità di alleviare il dolore fosse dovuta all’aumento del flusso sanguigno prodotto dal principio attivo. La realtà però ha mostrato che il flusso sanguigno era aumentato in modo anomalo anche con l’assunzione del placebo.

Nonostante i primi incoraggianti segnali di riuscita, però, la strada per fare del Viagra anche un ottimo farmaco contro la dismerronea, oltre che per l’impotenza, sembra essere ancora piuttosto lunga.