Home Notizie di Calcio e Calciatori

Calciomercato Milan: Braida lascia. Allegri: “A giugno vado via”

CONDIVIDI

braida-milanCalciomercato Milan – Non si ferma la rivoluzione in casa rossonera. Dopo il diavolo a due teste voluto dal presidente Berlusconi, un pezzo di storia milanista lascia la società: si tratta di Ariedo Braida, direttore generale dal 1986 al 2002 e direttore sportivo dal 2002 sino a oggi. Una colonna del Milan targato Berlusconi, uno degli artefici delle molteplici vittorie registrate negli ultimi 28 anni. Meno esposto mediaticamente rispetto a Galliani, ma non meno importante. Ecco il comunicato apparso su acmilan.com: “Dopo ventotto anni di vittorie, Ariedo Braida, il direttore generale rossonero lascia quest’oggi la società che anche Lui, con il suo lavoro, ha reso la più titolata del mondo“. A quello di Braida si aggiungerà, a fine anno, anche l’addio di Allegri.

Capodanno – E’ tradizione, all’arrivo dell’anno nuovo, salutare quello vecchio con festeggiamenti che includono cenoni e mortaretti. E, dopo il comunicato su Braida, un altro botto, la cui miccia in verità è accesa da tempo, è esploso quest’oggi. Si tratta di quanto emerge dall’intervista rilasciata dal Massimiliano Allegri a La Gazzetta dello Sport. “Voglio vincere la Coppa Italia e lasciare il Milan in Europa, poi me ne vado. Avevo già deciso la scorsa estate che avrei chiuso dopo quattro stagioni, in cui ho centrato i traguardi richiesti dalla società“. Ultimi 6 mesi sulla panchina rossonera quindi per l’allenatore toscano, che poi lascerà il testimone. Probabile l’arrivo di Seedorf, nome scelto da Berlusconi, ma che non convince appieno data l’inesistente esperienza nel ruolo.

Bilancio e futuro – In quattro anni Allegri si è visto smobilitare una squadra che all’inizio poteva contare, tra gli altri, su campioni come Thiago Silva e Ibrahimovic. Gli errori da parte dell’ex tecnico del Cagliari ci sono stati e non pochi, ma il bilancio, secondo il diretto interessato, è comunque positivo: “Siamo l’unica squadra italiana ancora in Champions League e possiamo arrivare ai quarti di finale. A 17 punti dal terzo posto, l’obiettivo deve essere quello di migliorare la nostra posizione e far bene in Europa e in Coppa Italia“. Ad aiutarlo sono già arrivati Honda e Rami: chissà se da qui a fine gennaio si potrà assistere a qualche botto vero o ci si dovrà accontentare delle miccette che, però, divertono solo i piccoli.

photo credit: calciostreaming via photopin cc

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram