Valerio Scanu scaricato dalla Emi: il cantante si scaglia contro le major discografiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:14

Valerio Scanu scaricato dalla Emi si scaglia contro le major discograficheSedotto e abbandonato. Valerio Scanu è stato scaricato dalla Emi proprio in un momento per lui così importante: il lancio del suo nuovo album di inediti. L’ex talento di Amici non ci sta e si scaglia contro le major discografiche. In una recente intervista rilasciata a un noto quotidiano nazionale, infatti, Valerio ha chiaramente affermato di essere stato “usato e gettato“. Questo il destino, spiega ancora il cantante originario della Sardegna, a cui devono rassegnarsi tutti coloro che escono da un talent show. La sua accusa, però, non è contro i programmi televisivi meritevoli di dare spazio e fama a giovani talentuosi con la voglia di farsi conoscere. Lui che l’esperienza di Amici l’ha vissuta come trionfatore, è cosciente che circa il 95 percento dei concorrenti è destinato a tramutarsi in meteora ma questo non è imputabile alla tv bensì alle etichette. Le major, come la sua personale esperienza gli ha insegnato, non sono di aiuto alcuno nel percorso professionale di questi giovani, ancora troppo acerbi per camminare da soli nel mondo discografico.

Ricorda perfettamente come, anche in prossimità della sua partecipazione al Festival di Sanremo, la Emi non fece nulla per supportarlo. Il brano che poi trionfò in quell’edizione della kermesse canora, lo trovò Valerio stesso grazie all’amicizia con Pierdavide Carone, anche lui ex allievo della scuola di talenti televisivamente targata Mediaset e da supportata da Maria De Filippi. Le etichette, spiega Scanu, tenderebbero sempre importi i loro brani visto che di quelli possiedono le edizioni. Nulla di artistico, quindi. Come uscire vivi da tutto ciò? Il segreto, secondo Valerio, è affidarsi a un manager, meglio se avvocato. Lui, dal canto suo, non si è lasciato scoraggiare e il nuovo album in uscita il 28 gennaio prossimo, anticipato dal singolo ‘Sui nostri passi’ in rotazione radiofonica già dal 7 gennaio, sarà interamente autoprodotto dal cantante stesso. Perchè la sua passione per la musica va oltre il ‘No’ di una major.