Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Legge elettorale, l’altolà di Renzi: Franchi tiratori affosseranno il governo

CONDIVIDI

Matteo Renzi

 

Il testo della proposta di legge elettorale depositata due giorni fa in commissione Affari costituzionali della Camera arriverà in Aula il 29 gennaio. E sarà fatalmente accolto da una “pioggia” di emendamenti.

A dedicare molto tempo alle possibili “correzioni” della bozza sono i rappresentanti della cosiddetta fronda minoritaria del Pd (“bersaniani” o “cuperliani” o “dalemiani” che dir si voglia), che propongono l’eliminazione delle liste bloccate, l’abbassamento della soglia di sbarramento per i partiti che si presenteranno da soli alle elezioni e l’innalzamento della percentuale utile a beneficiare del premio di maggioranza (attualmente fissata al 35%).

Battaglie che accomunano gli “anti-renziani” del Pd alle posizioni del Nuovo centrodestra di Alfano, che invoca il ripristino delle preferenze, e di Scelta Civica, che chiede a gran voce l’innalzamento della soglia di maggioranza. Senza considerare gli altri partiti dell’opposizione (Sel, Lega, Fratelli d’Italia e M5S), che annunciano discussioni infuocate in Parlamento.

La palpabile tensione ha spinto Matteo Renzi ad imbastire una controffensiva preventiva: “Qualche franco tiratore ci sarà – ha profetizzato il segretario del Pd – ma se faranno fallire la riforma elettorale senza metterci la faccia, allora la strada della legislatura sarà in salita. Non affosseranno la legge elettorale – ha scandito Renzi in un’intervista al Tg3 – ma la legislatura“. Un avvertimento inequivocabile ai “dissidenti” del suo partito: attenti a ostacolare il percorso delle riforme, perché a pagarne per primo le conseguenze sarebbe il governo.

“Le modifiche sono possibili in Parlamento, se tutti sono d’accordo – ha aggiunto l’ex rottamatore – Gli emendamenti saranno discussi dentro il gruppo, alcuni li condivido, ma nessuno può farsi la sua legge elettorale, vanno condivisi: da Fi fino a Ncd”. Meno “possibilista” Renato Brunetta“Come ha detto Renzi, questo non è un accordo a la carte – ha dichiarato il capogruppo di Forza Italia alla Camera – Si può modificare tutto, ma solo con l’accordo di Renzi e Berlusconi”.

 

 

 

 

 

 

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore