Torino-Bologna 1-2, Ventura: “Ko salutare”. Ballardini: “Bravi e fortunati”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:29

Ballardini_bravi_e_fortunatiTorino-Bologna 1-2 – Una prova gagliarda e coraggiosa, condita da tre punti pesantissimi. E la zona rossa che finalmente si allontana. Davide Ballardini non poteva chiedere di più dal lunch match della 23^ giornata. Grazie ad una doppietta di Cristaldo, il Bologna si impone 2-1 all’Olimpico di Torino e si porta a +4 sulla terzultima piazza. Da navigato uomo di calcio qual è, il tecnico rossoblù non si lascia abbagliare da un risultato tanto sorprendente quanto importante e nella conferenza stampa post partita invita i suoi a dare ancora di più. Costretto a seguire la stessa linea Giampiero Ventura, che dopo l’illusorio vantaggio di Immobile ha visto la sua squadra scivolare su una gara che alla vigilia sembrava alla portata: l’allenatore granata è deluso, ma confida che questa sconftitta renda il Toro più forte.

Ventura
La partita – “Abbiamo avuto un buon approccio, poi dopo l’1-1 è scesa la nebbia: abbiamo smesso di giocare, i nostri ritmi sono calati e siamo diventati prevedibili. Potrei recriminare per la mancanza di buona sorte, dal momento che abbiamo preso due legni e Curci ha fatto grandi parate, ma anche con un altro risultato le problematiche sarebbero rimaste. Questa sconfitta deve farci riflettere, è un bagno d’umiltà necessario a capire che c’è ancora molto da lavorare. Dare il 60% non basta: se abbiamo raggiunto il sesto posto in classifica è perché abbiamo sempre dato il massimo, a volte anche qualcosa in più”.
La crescita – “Non si cresce solo attraverso risultati positivi, ma servono tutte le esperienze, anche quelle negative. Mi auguro che questa diventi la partita più importante dell’anno, spero che i ragazzi imparino dagli errori fatti oggi. Dobbiamo sempre giocare da squadra, proprio come ha fatto il Bologna dopo aver perso Diamanti. Se il Toro è quello visto oggi non può certo pensare all’Europa, mentre quello visto nelle ultime due-tre partite può fare molto di più. Darmian ed El Kaddouri non sono stati positivi, ma la squadra non li ha messi in condizione di rendere al meglio. Ci tengo comunque a ringraziare questi ragazzi, fin qui hanno ottenuto risultati straordinari”.

Ballardini
La partita – “Il nostro inizio è stato negativo, ma la squadra è stata sempre presente, anche nei momenti in cui il Torino ci ha schiacciato. Sappiamo quanto Cerci, Immobile e le due mezzeali siano pericolosi in campo aperto, per questo abbiamo deciso di aspettarli per poi ripartire. I ragazzi ci hanno messo attenzione e qualità e, a differenza di altre volte, sono stati anche fortunati. Quando difendiamo, però, dobbiamo avere più personalità: abbiamo giocatori in grado di ripartire ed attaccare meglio di quanto fatto oggi. Abbiamo centrato una vittoria importante, questi tre punti pesano ancora di più perché arrivano dopo il ko casalingo con l’Udinese“.
I singoli – “Curci è un portiere che mi è sempre piaciuto, anche quando l’ho affrontato da avversario: sa prendersi le sue responsabilità, esce spesso e lo fa senza paura. Il Toro ha spinto molto e lo ha messo sotto pressione, al di là di qualche errore ha fatto una buona partita. Cristaldo è un giocatore importante, una seconda punta che alla qualità abbina generosità ed umiltà. Oggi avrebbe giocato anche se Moscardelli ed Acquafresca fossero stati disponibili. Quando sono arrivato era sovrappeso, svolgeva lavoro differenziato per rimettersi in sesto: da un paio di settimane è in condizioni ottimali, d’ora in avanti ci darà una grossa mano”.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!