Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca Bresso: bar chiuso per evasione di 7 euro

Bresso: bar chiuso per evasione di 7 euro

 

Sono costati carissimi ai signori Dino e Massimiliano Tucci, titolari del “Caffè Portici” di Bresso (provincia di Milano), quella manciata di caffè e quelle due brioche per i quali, secondo la Guarda di Finanza, non sono stati emessi i regolari scontrini.

Una trasgressione quantificabile in 7,20 euro di evasione in 5 anni di attività che ha portato le Fiamme Gialle a mostrare il pugno duro disponendo la chiusura dell’esercizio per tre giorni e imponendo ai proprietari il pagamento di una multa di 2.500 euro.

L’incidente del “Caffè Portici” è diventato un vero e proprio caso a Bresso dove molti concittadini hanno espresso solidarietà agli “evasori low cost“. Che, dal canto loro, hanno esposto sulla saracinesca rimasta abbassata per tre giorni un cartello con un messaggio inequivocabilmente polemico nei confronti degli implacabili finanzieri: “Lo scopo principale è portare in cassa i soldi, ad ogni costo. A questi signori non importa se lavoriamo 16 ore al giorno, non importa se per onorare il lavoro trascuriamo anche gli affetti familiari o se a qualcuno viene un infarto per stress”.

L’inflessibilità mostrata dalla Guardia di Finanza di Bresso (che ricorda l’intransigenza dei Paesi nordici più disciplinati) fa a pugni con il drammatico “lassismo” registrato in ampie zone (non solo geografiche) del nostro Paese dove il fenomeno dell’evasione fiscale ha contribuito (e continua ancora) a scavare la voragine nella quale l’Italia rischia rovinosamente di precipitare.