Legge elettorale, saltano le quote rosa. Il voto previsto per oggi

Camera, discussione su riforma della legge elettoraleRoma – Prosegue l’iter della riforma elettorale, ma senza quote rosa. Sono stati, infatti, respinti dall’Aula di Montecitorio i tre emendamenti presentati a favore delle quote rosa.
Il primo, che riguarda la parità di genere e l’alternanza dentro alle mini liste bloccate della riforma elettorale viene respinto con 335 no e 227 sì.
Il secondo, che riguarda la parità ’50 e 50′ per i capilista viene respinto con 344 voti a 214.
Stessa sorte per l’ultimo emendamento che prevedeva una rappresentanza donne-uomini di 40 e 60 sempre sui capilista, questa volta i no sono stati 344, i sì 214.
Dopo le votazioni le donne del Pd hanno lasciato l’Aula in segno di protesta, mentre la presidente della Camera, Boldrini, ha così commentato il voto: “Rispetto il voto. Ciò nonostante non posso negare la mia profonda amarezza perchè una grande opportunità è stata persa, a detrimento di tutto il Paese e della democrazia“.

Renzi: L’alternanza sarà assicurata – Resta in piedi quindi l’accordo Renzi – Berlusconi sulla riforma elettorale. Forza Italia, infatti, era fortemente contraria agli emendamenti, mentre Renzi ha comunque voluto rassicurare le donne: “Nelle liste democratiche l’alternanza sarà assicurata. Ho mantenuto la parità di genere da presidente della Provincia, da sindaco, da segretario, da presidente del consiglio dei ministri. Non intendo smettere adesso”.