Catania, suoni per stomaci forti al Barbara: il 15 marzo è ancora Vomitaizer

Quasi un anno d’assenza. Giusto il tempo per rimettere in sesto fegati e sistema neurocognitivo, e si può ripartire. Per mano del Cool Staff, torna nella sua casa d’adozione Barbara Disco Lab il party più fuori di testa dell’intero carnet etneo: ancora una volta, sabato 15 marzo sarà Vomitaizer.

Ad animare la voglia di divertimento dei convenuti toccherà a due guest stars di tutto rispetto: il primo ad aprire le danze sarà Nom de Strip, dal 2009 moniker di Chris Elliot (si indica con moniker il nome d’arte di un artista o la denominazione di un particolare progetto artistico). Già ben noto sulle scene col suo precedente progetto Stupid Fresh, vanta copiose hits undreground al suo attivo; per chi non lo conoscesse, chiedere info a, in ordine sparso: Deadmaus, Tiesto, Swedish House Mafia, Wolfgang Gartner, Tommy Trash, Dada Life e Dirty South.

Appresso, sarà la volta della formazione Soviet Soviet, da qualche mese fuori con ‘Fate’ (uscito l’11 novembre per la label di New York Felte). Il trio made in Pesaro ci proporrà una scarica post punk condita da suoni elettronici a tonalità cupe ma ‘veloci’: un progetto di assoluto interesse, per una band che dalla provincia italica si sta affermando sul panorama mondiale (di recente hanno spaziato dalla East alla West coast statunitense nel corso del loro tour). A fare gli onori di casa, gli alfieri dei Vomitaizer di oggi e domani:  Stereo Cool, Ditta, Kaioh, Stop&Play.
“Perché punk si nasce, non ci si diventa”.