Equitalia: funzionario aggredito da debitore

Sede Equitalia

 

Ricevere la visita di un emissario di Equitalia, si sa, non è mai cosa gradita. Ma l’accoglienza riservata a un funzionario di Boara Pisani (provincia di Padova) la scorsa settimana ha davvero passato il segno.

La notifica della cartella esattoriale ha innescato una reazione incontrollata nel cattivo contribuente (un cittadino di origine marocchina agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio) che, dopo aver investito di insulti il dipendente di Equitalia, lo ha scaraventato contro il cancello di casa procurandogli una lesione alla schiena guaribile in 90 giorni.

L’incidente ha allarmato l’agenzia pubblica che ha diramato una nota indiscutibilmente polemica. Questa è l’ulteriore dimostrazione di come strumentalizzazioni ed esasperazione dei toni possono scatenare azioni assurde, fuori controllo, e soprattutto indirizzate nei confronti di persone colpevoli solo di svolgere il proprio lavoro a servizio dello Stato e della collettività”, si legge nel comunicato. “Ancora oggi Equitalia è al centro di aspre polemiche immotivate, come ad esempio l’accusa di graziare i maxi evasori e di concentrarsi sul recupero di piccoli importi – ha precisato la partecipata dello Stato – Si tratta di affermazioni infondate in quanto la nostra non è una società privata, che deve fare utili, bensì una società interamente pubblica che ha il compito di riscuotere i tributi non pagati dai contribuenti su indicazione degli enti creditori”.