Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Grillo parafrasa Levi ed è bufera

CONDIVIDI

Bolg Grillo

 

Il post pubblicato ieri da Beppe Grillo sul suo blog ha indignato praticamente tutti. Ispirandosi liberamente (come da lui stesso scritto) alla poesia Se questo è un uomo riportata nell’incipit dell’omonimo libro di Primo Levi, il fondatore del M5S ha sferzato una “scudisciata” pesantissima contro i cittadini ignavi e i politici corrotti che popolano il Paese “della trattativa Stato mafia, schiavo della P2″.

A coronamento dello scivolosissimo post, un fotomontaggio in cui la tristemente nota scritta “Arbeit macht frei” del campo di concentramento di Auschwitz è stata traslata in P2 macht frei“. E versi incendiari su Giorgio Napolitano, definito un vecchio impaurito delle sue stesse azioni, che ignora la Costituzione”, e Matteo Renzi marchiato come volgare mentitore, assurto a leader da povero buffone di provincia”. Ma il post-poesia pubblicato ieri da Grillo ha assunto anche i toni di una “filippica” destinata agli italiani ignavi che, ha vaticinato il blogger, se non cambieranno atteggiamento, condanneranno i loro figli alla disperazione.

Quale sia stata la reazione pressoché unanime al post di Grillo, è facile immaginarlo. A insorgere è stato, tra gli altri, Renzo Gattegna, presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane: “Con l’ultima infame provocazione – ha affondato – Beppe Grillo solletica i più bassi sentimenti antisemiti e cavalca il malcontento popolare che si addensa in questi tempi di crisi. E’ un’oscenità sulla quale non è possibile tacere. Si tratta, infatti – ha rincarato Gattegna – di una profanazione criminale del valore della Memoria e del ricordo di milioni di vittime innocenti che offende l’Italia intera”.

A stigmatizzare convintamente il post del comico genovese, molti esponenti del Pd (tra cui Emanuele Fiano e Alessandra Moretti), ma anche di Forza Italia e dell’Udc, mentre alcuni pentastellati (come Luigi Di Maio e Michele Giarrusso) hanno preso le difese di Grillo denunciando, di contro, l’ipocrisia dei gruppi parlamentari che hanno ostentato indignazione per le sue parole. E il diretto interessato? “Primo Levi scrive un libro straordinario, prendo una sua poesia per onorare uno scrittore come lui, uno che dice di non abbassare mai la testa e cosa succede? – ha replicato in serata Beppe Grillo – Si prendono questa roba per depistare l’attenzione dal contenuto”. 

 

 

Scarica l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram