Alitalia Etihad: Lupi dice no a ipotesi “bad company”

Alitalia

 

Immaginate un uomo che, prima di portarla all’altare, chieda alla sua promessa sposa di liberarsi di tutta la “zavorra” che ha fin lì segnato la sua esistenza. La richiesta che – stando ad alcune voci circolate nelle ultime ore – la compagnia aerea Etihad avrebbe fatto ad Alitalia sarebbe, in qualche modo, assimilabile alla situazione appena prospettata.

In pratica la compagnia di Abu Dabhi – che, come è noto, sta da tempo trattando per l’acquisizione di una fetta importante delle quote di Alitalia (intorno al 45%) – avrebbe spiegato, senza troppi giri di parole, di essere interessata solo alla parte sana della compagnia e di non voler farsi carico di tutti quei debiti e contenziosi legali che hanno portato Alitalia-Cai al collasso.

L’ipotesi (non confermata ufficialmente) di procedere con la costituzione di una “good newco” di cui Etihad sarebbe il principale partner e con lo scorporo della “bad company” a cui dovrebbero badare solo i soci di Cai non piace affatto al ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi“La bad company con l’intervento dello Stato è un tema inaccettabile e non condiviso dal governo – ha detto – Il tema semmai è quello di un rilancio industriale della compagnia dove i privati investono con efficienza e lo Stato, se può, deve fare un passo indietro”.

Maggiori informazioni si avranno oggi. L’ad di Alitalia, Gabriele Del Torchio, e il presidente di Cai-Alitalia, Roberto Colannino, stanno infatti per raggiungere il numero uno di Etihad ad Abu Dabhi e, a conclusione dell’incontro, verranno presumibilmente ufficializzate le condizioni dell’atteso “sposalizio”. O semplicemente annunciata l’impossibilità di procedere con le trattative. Tutto dipenderà dalle “pretese” che gli arabi avanzeranno e dalla disponibilità degli italiani ad accettarle.