Renato Zero rapinato, si erano spacciati per due ‘sorcini’

5142eec45a50bAggredito ieri, 9 Maggio il cantante Renato Zero. Stava tornando a casa intorno alle 17, aveva appena varcato, con la sua Porsche bianca, la soglia del cancello del residence in cui abita, in via della Camilluccia (Roma), quando sul vialetto d’ingresso riescono ad entrare due uomini, vestiti di scuro, a bordo di uno scooter, spacciandosi per due sorcini in cerca di autografo. Il cantante si è voltato istintivamente, aveva il braccio sinistro sporto sul finestrino, quando i due gli hanno sferrato un colpo in testa strappandogli dal polso un orologio del valore di 45 mila euro. Per fortuna solo qualche graffio, nessuna lesione sensibile all’integrità fisica dell’artista che non si è neanche recato in ospedale per gli accertamenti.

Sono iniziate le indagini per risalire all’identità dei due malviventi, di cui si tenta di capire anche la provenienza. Non è impresa semplice dal momento che i due banditi erano coperti in viso ed indossavano caschi ed occhiali. A Renato Zero sono state sottoposte alcune foto di pregiudicati per capire se si tratta di qualcuno di loro e si proverà a capire se ci sono dei video della sorveglianza che possano aiutare le indagini.

Non è il primo caso, nell’unegli ultimi tempi, di tentate rapine nella Capitale a personaggi dello spettacolo: tempo fa era successo a Lino Banfi in zona Piazza Bologna; in casa di Marina Ripa di Meana; a Gigi d’Alessio e a Sergio Zavoli.