Coldiretti: la crisi toglie la pasta da tavola

Pasta

 

Per avere conferma di quanto sia in sofferenza l’economia del nostro Paese, basta prestare attenzione al dato diffuso dalla Coldiretti che, facendo riferimento alle stime diffuse dall’Istat, ha posto l’accento sul crollo dei consumi.

I primi 3 mesi del 2014 hanno fatto registrare un calo del 2% degli acquisti alimentari, con punte particolarmente allarmanti per la verdura (-4%) e per un must assoluto della dieta all’italiana: la pasta (-5%). La crisi ha, infatti, costretto gli italiani a tornare ai valori minimi di spesa degli anni ottanta, dopo un periodo di costante crescita che, dal dopoguerra, si è bruscamente interrotto nel 2006.

Ma non bisogna disperare troppo. Secondo la Coldiretti, infatti, un’inversione di tendenza potrebbe registrarsi già nel corso del 2014, grazie al bonus di 80 euro al mese che dovrebbe incidere positivamente sugli acquisti alimentari delle famiglie beneficiarie, rendendo i loro carrelli più pesanti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteL’Istat gela tutti: Pil torna a scendere
Articolo successivoImprese: è boom di fallimenti
Siciliana di origine, romana d'azione, scrivo da anni occupandomi principalmente di politica e cronaca. Ho svolto attività di ufficio stampa per alcune compagnie teatrali e mi muovo con curiosità nel mondo della comunicazione. Insegnante precaria, sto frequentando un corso per insegnare italiano agli stranieri.