Francesco Schettino, dalla Costa Concordia all’endorsement

francesco-schettinoIn Italia non sbalordisce l’impegno in politica di nessuno. Dai tempi di Cicciolina coi Radicali (passando poi per gli imprenditori che scendono in campo per salvarci dal pericolo comunista e dai comici che diventano dei veri e propri guru che nemmeno in ‘Black Mirror’), la politica si rivela una vetrina adatta un po’ a tutti.

E così, se non avrebbe sbalordito di certo la candidatura a sindaco di Paolo Brosio a Prato (poi rivelatasi un gustoso fake), non sbalordisce più di tanto il fatto che il comandante del disastro della Costa Concordia, costata la vita a 32 passeggeri (e per cui è tutt’ora imputata), decida di impegnarsi in politica.

E’ notizia di questi giorni che Francesco Schettino sia impegnato in prima fila nella campagna del candidato sindaco di una lista civica indipendente (in orbita PD) di Meta di Sorrento, Giuseppe Tito.

E’ lo stesso Schettino a rendere pubblico il proprio endorsement attraverso le pagine del blog ‘Politica in Penisola’. Di seguito riportiamo la parte finale dell’intervento pubblico:

“La mia presenza prescinde da ogni colorazione Politica, l’entusiasmo di Tito è contagioso, mette di buon umore, è indice di vitalità e sono sicuro che si possa assistere a un miglioramento della qualità della vita e dei servizi offerti, una meta da raggiungere per la nostra Meta qualora gli sia data la fiducia di poter realizzare la sua missione di primo cittadino al servizio degli altri”.