Test Medicina Abolito dal 2015: cosa cambia?

Test-Preselezione-Concorso-ScuolaPer la gioia di molti studenti (e l’ira di chi, il test in questione, l’ha dovuto fare) dal 2015 il test di medicina verrà abolito: il numero chiuso, quindi, verrà meno per contrastare la diaspora dei ragazzi che vanno a studiare in Albania e in Romania (laddove i test non esistono) e per evitare che gli studenti studino di meno in vista dell’esame di Maturità (che – come date – era arrivato a coincidere con i tanto vituperati test). Ad annunciarlo ieri attraverso la pagina Facebook di Scelta Civica e a confermarlo oggi attraverso un’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera’, c’ha pensato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini.

Queste modifiche varranno dall’anno accademico 2015-2016 e si sapranno per esteso soltanto intorno a luglio (quando queste parole si concretizzeranno in una proposta di legge).

Abolizione test medicina, cosa cambierà?

Secondo quanto dichiarato dalla Giannini una selezione ci sarà e sarà “più dura” e sarà legata “alla preparazione e alla motivazione”. Come avverrà? Dopo un primo anno (o un primo biennio) aperto a tutti (tanto medici quanto farmacisti, dentisti e ostetrici) ci sarà uno sbarramento, che porterà molte persone a lasciare la facoltà e altre a proseguire (in base al merito, che verrà stabilito autonomamente dal singolo ateneo).

E a fronte di chi gioisce (fra di essi le associazioni studentesche che vogliono essere coinvolte in questa epocale innovazione), c’è chi storce il naso, in vista dello strapotere dei baroni (che porterà a far andare avanti solo chi ha ‘una spinta’) e di aule a rischio sovraffollamento (ma questa è una problematica che riguarda un po’ tutte le facoltà).