Coldiretti: cresce il numero dei poveri tra i bambini e gli over65

CRISI: ALLARME INDIGENTI IN SPAGNA, APPELLO DELLA CROCE ROSSA

 

Sono state 4.068.250 le persone che nel 2013 si sono viste costrette a chiedere aiuto per mangiare. A certificarlo è stata la Coldiretti, che ha parlato di un aumento del 10% rispetto all’anno precedente (quasi 400 mila persone in più).

Le stime elaborate dall’Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) hanno svelato che a dover ricorrere ad aiuti alimentari sono stati soprattutto i bambini di età compresa tra gli 0 e i 5 anni (428.587; il 13% in più rispetto al 2012) e gli over 65 (578.583; +14%). E che, come è facile comprendere, la zona del Paese in cui la povertà ha lasciato il segno con maggiore incidenza è stata il Mezzogiorno dove il numero di bambini indigenti ha raggiunto quota 149.002 sia in Campania che in Sicilia.

A livello nazionale, gli oltre 4 milioni di italiani poveri che nel 2013 hanno faticato a portare qualcosa in tavola si sono rivolti o alle mense (precisamente sono stati 303.485) o hanno beneficiato dell’aiuto dei pacchi alimentari (3.764.765). Una forma di sussidio, quest’ultima, preferita di gran lunga da chi si vergogna di palesare il suo stato di sofferenza recandosi fisicamente nelle mense.