Alitalia: e adesso si parla con le banche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:31

Alitalia

 

Adesso che l’accordo tra Alitalia ed Etihad è ufficialmente decollato, si fa sempre più impellente la necessità di arrivare alla risoluzione finale della trattativa, che non può prescindere dall’elemento economico-finanziario.

Per questo ieri il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio –  “spalleggiato” dal capo della segreteria tecnica del ministero dell’Economia, Fabrizio Pagani, e dal funzionario del ministero dei Trasporti, Giacomo Aiello – ha voluto incontrare a Palazzo Chigi i vertici delle banche (creditrici) coinvolte nell’operazione Alitalia.

Stando a quanto riferito da fonti governative, il meeting si sarebbe svolto in un clima positivo e collaborativo, che avrebbe certificato il sostanziale sostegno degli istituti di credito alla “fusione” tra la compagnia italiana e quella emiratina. Ma i nodi sulla ristrutturazione del debito che “azzavorra” l’Alitalia non sarebbero ancora stati sciolti.

Intanto ieri, in un’intervista concessa al Corriere della Sera, il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, è tornato a fornire rassicurazioni sul’intesa raggiunta e sul potenziamento dello scalo di Malpensa che, ha detto, diventerà l’hub europeo per i cargo. Non solo: interpellato sull’offerta che nel 2008 Air France fece ad Alitalia per tirarla fuori dai “guai” in cui si era cacciata: “Ritenevo che Air France non fosse il partner ideale e pensavo che sarebbe stato meglio stringere un’alleanza con Lufthansa – ha ribadito Lupi – Chi oggi rimpiange Air France, sa quali sono le condizioni in cui versa? Resto convinto che quella alleanza sarebbe stata sbagliata – ha insistito il ministro – così come è stata sbagliata la cordata dei cosiddetti capitani coraggiosi“. Quelli che, rispondendo all’appello dell’allora premier Silvio Berlusconi, hanno di fatto tinto di un rosso irrimediabile i conti della compagnia di bandiera.

 

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!