Lista Tsipras: la Spinelli ci ripensa e fa arrabbiare Sel

HOTEL PRINCIPE PREMIO E' GIORNALISMO

 

La giornalista Barbara Spinelli è stata una delle candidate più attive della Lista Tsipras in campagna elettorale. Un “volto noto” che, con ogni probabilità, è riuscito a convincere un numero importante di elettori italiani di sinistra (delusi dalle continue “balcanizzazioni” nazionali) dell’opportunità di recarsi alle urne per destinare il loro voto alla proposta alternativa del leader greco.

Durante la campagna elettorale, la Spinelli aveva annunciato – urbi et orbi – che, in caso di vittoria, avrebbe rinunciato al suo seggio all’Europarlamento, ma qualcosa deve essere intervenuto a farle cambiare idea. Un dietrofront che ha provocato fortissimi malumori tra i “colleghi” della lista, a partire da quel  Marco Furfaro a cui la Spinelli ha sostanzialmente negato lo scranno a Bruxelles.  “Non importa se son stato trattato come carne da macello, senza nessuna cura per le persone in una lista che recitava ‘prima le persone’ – ha scritto ieri Furfaro in una risentita lettera aperta – Non importa se in quasi 15 giorni non abbia ricevuto né telefonate né mail né nient’altro da Barbara Spinelli per comunicarmi ripensamenti o altro. (…) Non importa se circa 48 ore fa mi hanno chiamato alle 2 di notte – ha rincarato l’esponente di Sel – per comunicarmi di ‘dormire tranquillo, Barbara ha mandato una lettera ufficiale, ha rinunciato, sei europarlamentare'”.

A sostenerlo molti altri colleghi di Sel che hanno fortemente stigmatizzato il ripensamento della Spinelli. Tra gli attacchi più tranchant, va menzionato quello di Enrico Sitta:Una persona misera Barbara Spinelli – ha affondato il vendoliano – una borghese piccola piccola, priva della facoltà politica e forse anche umana di intendere e di volere, in mano a dei mascalzoni che hanno sfruttato l’occasione per un unico scopo politico che andava delineandosi fin dall’inizio: fare fuori Sel”.

Ma c’è anche chi la pensa in maniera marcatamente diversa, come il giornalista Gad LernerA me sembra che il Parlamento europeo – ha commentato – possa solo trarre giovamento dalla presenza al suo interno di Barbara Spinelli”.