Calcio internazionale, la famiglia Pozzo sta per comprare il Rapid Bucarest

Giampaolo PozzoSembra il pezzo mancante di un puzzle internazionale, come lo stato da conquistare nel gioco del “risiko” per rafforzare la propria posizione. Un calcio globalizzato, che non conosce più frontiere. “La famiglia Pozzo sta per comprare il Rapid Bucarest“: è l’indiscrezione che arriva dalla stampa romena, e che sta raccogliendo delle conferme anche in Italia. Dopo l’Udinese in Italia, il Granada in Spagna e il Watford in Inghilterra, il Rapid potrebbe essere il quarto club di proprietà dei Pozzo.

Negli ultimi giorni Giampaolo Pozzo è stato avvistato dai cronisti romeni a Bucarest, e le indiscrezioni impazzano sulla stampa nazionale. La famiglia sarebbe a un passo dall’acquistare il club e – ultimo retroscena – ci sarebbe anche una bozza di accordo (una sorta di pre-contratto) a garanzia della buona riuscita dell’operazione. Il club richiede un profondo risanamento: l’esposizione debitoria è molto alta (si parla di centinaia di milioni di euro), e da oltre dieci mesi i dipendenti non ricevono lo stipendio.

Non solo. La stampa romena si spinge oltre, e ipotizza che se la società dovesse finire nelle mani dei Pozzo sarebbe già stato scelto il nuovo allenatore, individuato in Cristiano Bergodi. Lunedì scorso, il Rapid ha vinto il ricorso davanti al Tas – dopo una storia di licenziamenti di propri tesserati -, difendendo così il diritto di giocare nella prossima stagione nella Prima divisione romena.