I sintomi delle malattia felina ‘FIV’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:00

rabbia-felinaTra le malattie feline più comuni rientra la FIV o Sindrome da Immunodeficienza acquisita del gatto, malattia di cui bisogna conoscere cause e sintomi, per intervenire tempestivamente e risolvere il problema. Tale malattia infettiva è causata da un retrovirus simile a quello che causa l’Aids nell’uomo. Tuttavia tale virus non può infettare l’uomo, quindi non risulta essere pericolosa per i proprietari di gatti positivi al tale malattia.

Il contagio della FIV avviene semplicemente con la saliva o un morso, e se colpisce una gatta in allattamento quest’ultima può trasmettere la malattia a i cuccioli. La FIV è maggiormente diffusa nelle zone dove vi è un elevata presenza di gatti randagi che facilmente possono entrare in contatto con gatti infetti. Non essendoci una vera cura, in caso di gatto infetto, occorrono controlli regolari dal veterinario, una buona igiene e un alimentazione sana per garantire una vita migliore al piccolo felino sieropositivo. Tale malattia felina, che ha un periodo di incubazione che va dalle 4 alle 6 settimane, si suddivide in quattro fasi:
– la prima fase è quella dell’infezione, che si manifesta con febbre non elevata
– La seconda fase è quella della sieropositività silente
– La terza fase è caratterizzata da linfadenopatia generalizzata persistente
– la quarta e ultima fase è simile all’HIV dell’uomo che porta ad altre infezioni come gengivite, congiuntivite, disfunzioni immunitarie o tumori.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!