Home Notizie di Calcio e Calciatori

Calciomercato Juventus: non c’è da stare Allegri

CONDIVIDI

allegri-milanCalciomercato Juventus – Dopo l’addio di Conte, arrivato come un fulmine a ciel sereno, la dirigenza juventina è al lavoro per costruire quello che sarà il futuro. Le ultime notizie parlano di un Massimiliano Allegri oramai d’accordo per un contratto biennale, del quale restano da limare solamente alcuni dettagli. L’ex tecnico del Milan, accostato insistentemente alla Nazionale dopo le dimissioni di Prandelli, avrebbe quindi un’altra chance su una grande panchina e si troverebbe una squadra con delle forti basi già gettate. Cosa rimarrà, però, di quanto c’è già? Quali cambiamenti apporterà l’allenatore toscano? Queste sono alcune delle domande che i tifosi si fanno e le risposte rischiano di non soddisfare i supporters bianconeri.

Mercato – Il cambio di guida tecnica implica sempre (o quasi) qualche cambiamento delle strategie di mercato in funzione delle idee tattiche che vogliono essere applicate. L’arrivo di Allegri lascia quindi in sospeso molti degli affari che, solo qualche giorno fa, apparivano già in dirittura d’arrivo. I due nomi più importanti a cui Marotta stava lavorando sono sicuramente quelli di Morata e Iturbe: per il primo, che col Real si sta allenando a parte, la trattativa rimane bloccata sino a quando non si capirà l’interesse di Allegri per lo spagnolo; l’esterno del Verona invece sembra essere diretto verso la Roma, con cui pare manchi solamente l’accordo sul contratto.

Pirlo – Chi avrebbe potuto immaginare, in quel maggio 2011, che le strade di Andrea Pirlo e Massimiliano Allegri si sarebbero incrociate nuovamente? Probabilmente nemmeno i diretti interessati che, se l’approdo di Allegri in bianconero diverrà ufficiale, dovranno trovare il modo di convivere pacificamente. Una convivenza che non appare scontata, dal momento che alla base dell’addio di Pirlo al Milan ci fu una scelta tecnica ben precisa dell’allenatore, che lo voleva schierare mezz’ala e non più da regista davanti alla difesa. Con queste premesse, c’è il rischio concreto che la squadra che negli ultimi 3 anni ha dominato il campionato italiano venga stravolta e il futuro, ora come ora, è solo un grande punto di domanda.

photo credit: calciostreaming via photopin cc

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram