Calciomercato Juventus, Morata e Pereyra: i primi rinforzi della Juve di Allegri

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:32

Allegri e MarottaSe i tifosi della Juventus si aspettavano una reazione forte alla marea montante di sfiducia susseguente alla traumatica separazione con Antonio Conte e al contestatissimo arrivo di Allegri, ebbene si può ben dire che sono stati accontentati. La Vecchia Signora nelle ultime ore si è letteralmente scatenata, imprimendo un’accelerazione violenta alle trattative per Evra, Morata e Pereyra, tutti praticamente portati a casa.

Particolarmente onerose, se guardiamo all’intera gestione di Andrea Agnelli, le ultime due operazioni: se Morata costerà una ventina di milioni, Pereyra verrà valutato poco meno. L’Udinese del sempre sagace Pozzo partiva da una base di 20 milioni per il versatile centrocampista, inseguito nelle ultime settimane anche da Inter e Roma, alla fine la quadratura del cerchio è stata trovata sulla base di 15,5 milioni, incluso le contropartite tecniche.

La Juventus verserà un milione subito, a titolo di prestito oneroso annuale, poi tra un anno completerà l’operazione (non ci sarà obbligo di riscatto, ma la parola tra i due club vale tanto, basti pensare ad Isla…) col pagamento di ulteriori 11 milioni e l’inserimento nell’affare di Frederik Sorensen, giovane difensore danese appena riscattato dal Bologna, che verrà valutato 3,5 milioni.

I friulani avrebbero voluto anche un forte Primavera juventino: interessavano il centrocampista Mattia Vitale, il difensore Filippo Romagna (entrambi classe ’97), e l’attaccante greco Anastasios Donis (’98). Marotta ha risposto picche, Sorensen ha fatto contenti tutti e salvato un’operazione che era stata imbastita inizialmente sul piano della comproprietà, prima che questa formula venisse abolita dal nostro calcio.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!