Home Tempi Postmoderni Tech & Web

GuestToGuest, il social network per chi vuole scambiare casa

CONDIVIDI

Si viaggiare. Chi non lGuestToGuesto adora? Tuttavia quest’azione continua a diventare sempre più un lusso per pochi, specialmente per i prezzi parecchio salati di hotel, alberghi e B&B. Ma se si può viaggiare risparmiando sull’alloggio perché non considerare l’idea di partire?

Nasce così un nuovo “social network”, così definito, di scambio case: “GuestToGuest”.
Fondato da un gruppo di persone con idee molto chiare, in cui le parole (nonché i valori) chiave sono ospitalità, fiducia e libertà.
Su GuestToGuest infatti puoi scambiare case, appartamenti o anche altro alla voce “Other”, si potrebbero trovare i soliti comodi camper, barche o case sull’albero: con qualcuno che ha piacere ovviamente a fare uno scambio con te e con il tuo Paese. Se però non c’è possibilità di scambio puoi anche optare per la soluzione in cui richiedi di essere invitato, previo ovviamente presentazione, contatto diretto e referenze come sempre.

Fino a qui parrebbe uguale ad altri servizi, ma invece una differenza importante c’è: è gratuito. Infatti su GuestToGuest la moneta di scambio è il GuestPoint che guadagni invitando amici, condividendo referenze, facendoti invitare o invitando persone e quindi dimostrando di essere un vero, eccellente ospite/ospitante.
Rimane solo un dubbio, scritto piccolino, molto piccolino, un po’ come quelle clausole ingarbugliate sui contratti impossibili da film, i GuestPoint si possono anche comprare, 1 Euro – 1 GP. In effetti c’è da considerare che gli amici da invitare non sono infiniti, e una volta che il profilo è completo non puoi più ricevere punti, a questo punto, se si vuole viaggiare, da qualche parte i GuestPoint dovranno arrivare.