Da Bce 52 miliardi alle banche. Ma sono per famiglie e imprese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:30

Bce

 

L’atavica idiosincrasia tra le banche e i comuni cittadini che faticano ad arrivare a fine mese potrebbe essere vinta grazie al maxi prestito che dieci istituti di credito italiani stanno per chiedere alla Banca centrale europea.

A darne notizia è stato il quotidiano economico per antonomasia, Il Sole 24 Ore, che ha annunciato l’arrivo da Francoforte di 51,8 miliardi di euro, che le banche dovranno impiegare per aiutare imprese e famiglie. I soldi che l’Eurotower dovrebbe a breve concedere alle banche (non solo italiane) sono, infatti, da collegare ai cosiddetti “Tltro” (Targeted long-term refinancing operations) che contemplano utilizzi mirati, concepiti per dare ossigeno all’economia reale.

Nel dettaglio, stando alle informazioni trasmesse da Il Sole 24 Ore, Intesa San Paolo chiederà alla Bce un importo pari a 17 miliardi di euro mentre Unicredit 15 miliardi (di cui la metà destinata all’Italia). Risorse importanti che, lo ribadiamo, le banche dovranno utilizzare esclusivamente a beneficio di imprese e famiglie, pena la restituzione alla Bce. La prima tranche del finanziamento dovrebbe arrivare a metà del mese di settembre e la seconda a dicembre.