Golosi in allarme: Nutella più cara per penuria di nocciole

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:02

Nutella

 

Ad agosto inoltrato, ci concediamo anche noi una notizia un po’ più “leggera”, seppur  non completamente scollegata dai problemi che attanagliano l’economia globale. Il quotidiano francese Les Echos ha lanciato ieri un allarme destinato a incupire i golosi di tutto il mondo che, a breve, potrebbero dover sborsare una cifra non proprio contenuta per comprare la crema spalmabile più amata e apprezzata di tutte: la Nutella.

Il motivo? Stando a quanto riportato dal giornale francese, la Turchia, che è il maggior produttore mondiale di nocciole (con oltre il 70% del raccolto), è stata funestata, negli scorsi mesi, da piogge e gelate che hanno danneggiato più di due terzi dei fiori di noccioli presenti nella regione settentrionale. Con conseguenze tristemente intuibili: “Quest’anno – ha scritto Les Echos – verranno vendute solo 540 mila tonnellate di nocciole contro le 800 mila abituali, con un deficit di 260 mila tonnellate”. E, a causa della penuria, il costo delle nocciole schizzerà alle stelle, passando dai 6.500 dollari di febbraio ai 10.500 dollari di ieri.

Cosa c’entra tutto questo con la Nutella? Presto detto: la crema realizzata dalla Ferrero (che vanta “addicted” in ogni angolo della Terra) ha, tra i suoi ingredienti principali, proprio quelle nocciole turche il cui costo è destinato a salire del 60%. Un rincaro che, quasi certamente, si ripercuoterà sul prezzo finale di tutti i prodotti a base di nocciole che rendono più liete le giornate dei consumatori che se ne infischiano delle diete. Oltre alla Nutella, per dire, anche i Kinder e i Ferrrero Rocher. Mala tempora currunt per i golosi.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!