Rifiuti speciali nei fondali a largo delle coste di Catania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:16

Le immagini a largo di CataniaSi tratta di una delle mete più in voga dell’estate. E’ la Sicilia, regione più grande d’Italia e regione che può offrire a turisti (e ai fortunati abitanti che possono goderne tutto l’anno) luoghi naturali davvero incantati.

Purtroppo, però, spesso l’incuria ha la meglio e i luoghi incantati in questione diventano ambienti ideali per scempi di vario tipo: nello specifico, parliamo della costa catanese (a dir il vero probabilmente una delle peggiori della regione) e del ritrovamento shock ad opera del noto sub Stefano Bianchi (ma proposto dai colleghi di Livesicilia.it): a 150 metri dalla costa (e da un noto lido etneo, il Bellatrix) il sub ha ritrovato centinaia di big bags, sacchi di grandi dimensioni utilizzati per smaltire rifiuti speciali.

Con ogni probabilità, scandagliando i fondali dell’isola più grande del Mediterraneo, si potrebbero trovare altre scempiaggini di questo tipo (e probabilmente non solo in Sicilia).

Ma cosa fare adesso? Molto semplice, bisogna necessariamente mettere in moto la macchina che porti alla bonifica di tutte queste aree infestate da questi rifiuti (per poi partire con una maggiore prevenzione, magari sorvegliando maggiormente le coste al fine di bloccare i criminali che gettano questa immondizia a mare): il mare è una delle principali risorse della Sicilia e la regione non può permettersi di offrire spettacoli di questo tipo.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!