Riapre il palazzo di Alessandria d’Egitto

download (1)Il museo dei gioielli della famiglia reale ad Alessandria d’Egitto, edificato nel 1919 dopo la chiusura nel 2003 per i lavori di ristrutturazione, è di nuovo riaperto al pubblico. A tal proposito il ministro delle Antichità Mahmoud Elmaty ha dichiarato: “Il significato più importante della nuova riapertura è quello legato alla sicurezza di Alessandria, a quella dell’intero Egitto. Il museo è rimasto chiuso per tre anni, a causa proprio della mancanza di sicurezza nel Paese. Ora abbiamo di nuovo il nostro museo, una buona notizia non solo per gli egiziani ma per tutto il mondo”.

Nelle sfarzose sale del museo è possibile ammirare gioielli di immenso valore come per esempio i diamanti, gli zaffiri e gli smeraldi appartenuti alla famiglia reale d’Egitto che ha governato fino al 1952. Presso il palazzo di Alessandria d’Egitto si trovano esposti diversi oggetti di Ali Pascia, i diamanti della madre di Farouk, la regina Nazli, bicchieri con brillanti, pettini in platino, borsellini d’oro, quadri, pugnali e binocoli preziosi.

Il nostro Paese vuole realizzare una collaborazione culturale tra Roma e Il Cairo, e secondo quanto ha dichiarato Amr Helmy, ambasciatore d’Egitto in Italia, si vuole preparare un intesa culturale tra i due Paesi sancita da diverse iniziative, eventi, mostre e seminari che avranno luogo nei prossimi due anni. Inoltre Amr Helmy ha dichiarato: £Il nostro intento è quello di presentare al pubblico italiano l’Egitto antico, ma anche quello moderno, con i suoi artisti, scrittori contemporanei e la sua società. Dalla cultura all’economia£.