Le opere di Giorgio Morandi in mostra in Corea

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:41

Un'opera di MorandiIl pittore bolognese Giorgio Morandi, dal 20 novembre al 25 febbraio 2015, è in mostra al ‘National Museum of Modern and Contemporary Art di Deoksugung‘ di Seul, in Corea. L’evento è stato realizzato con la collaborazione dell’Istituzione Bologna Musei e rappresenta la prima esposizione di tale artista ed incisore di spicco del XX secolo in Asia.

Giorgio Morandi è celebre per le sue incisioni, per le sue nature morte, ed in particolare per le ‘bottiglie’ che assieme ai vasi ed alle ciotole sono tra i suoi soggetti preferiti. Tuttavia la sua produzione artistica è anche ricca di di numerosi ritratti e paesaggi, raffigurati  con uno stile surreale e realistico, ottenuto con l’utilizzo di pochissimi colori.

La mostra dedicata a Morandi rientra nel progetto dello scambio culturale tra Bologna e Seul, in occasione del 130esimo anniversario delle relazioni esistenti tra l’Italia e la Corea. A tal proposito le due città hanno dato vita ad una sorta di alleanza al fine di promuovere l’economia sociale, l’innovazione urbana e la cultura. Secondo quanto dichiara in una nota il Comune di Bologna: “La selezione delle opere in mostra, ben lontana dal voler essere una antologica, non procede cronologicamente e non vuole esaminare rapporti e influenze nell’ambito della pittura europea del Novecento ponendo Morandi in una prospettiva storiografica. L’esposizione ambisce piuttosto a rendere evidente il peso di una ricerca artistica straordinariamente in grado, oggi, di dialogare con le istanze culturali di un mondo globalizzato, perché ha saputo interrogarsi incessantemente sul valore dell’opera e sull’atto stesso del dipingere. Un’indagine, quella di Morandi, sempre coerente e rigorosa nel tentativo felicemente riuscito di tradurre in pittura la propria esperienza umana e il proprio universo poetico, lavorando su continue variazioni di pochi temi, rivolgendosi a oggetti o paesaggi familiari, per arrivare a cogliere l’essenziale nell’idea stessa di pittura”.