Istat: cresce la sfiducia tra i consumatori

Consumatori

 

I consumatori italiani sono affetti da un calo di fiducia che l’Istat ha prontamente registrato. L’ultima rilevazione dell’istituto di statistica italiana ha, infatti, rilevato che l’indice di fiducia dei nostri connazionali è passato dal 101,3 di ottobre al 100,2 di novembre.

E se gli italiani tradiscono maggior sconforto per il presente: l’indice riferito al clima corrente è sceso dal 100,6 di ottobre al 99 di novembre; invariata rimane, invece, la fiducia riposta nei tempi avvenire, ferma dal mese scorso al 101,7.  Leggermente migliori i giudizi e le attese sulla situazione economica del Paese, ma non quelli sulla situazione economica familiare che continuano a frenare i consumi. Tanto che il numero degli italiani interpellati dall’Istat che pensano di poter risparmiare si è fatto ancora più esiguo, così come quello di coloro che stimano di poter acquistare beni durevoli nell’immediato futuro.

E se i consumatori del Nord-Est e del Centro hanno fatto registrare un lieve aumento del clima di fiducia, diverso è il discorso per quelli del Nord-Ovest e del Mezzogiorno il cui tasso di “disillusione” continua a crescere.