Il doodle di Google ricorda la psicoanalista Anna Freud, figlia di Sigmund

Anna FreudBen 119 anni fa moriva Anna Freud, psicanalista austriaca figlia del celebre Sigmund Freud, nata a Vienna il 3 dicembre del 1895 e deceduta a Londra nell’ottobre del 1986, nota per i suoi studi sulla psicoanalisi infantile e l’ analisi sui sistemi di difesa dell’Io.

Il doodle di Google vuole celebrarla con un disegno interpretativo dell’attività svolta da quella che viene considerata come la fondatrice della scuola psicoanalitica detta di ‘Psicologia dell’Io’. Anna Freud infatti con i suoi studi mise in rilievo l’importanza dell’Io, dell’individuo e del modo in si relaziona con la realtà esterna e con i conflitti tra le spinte pulsionali dell’Es e le forze di controllo del Super-io.

La studiosa Anna Freud, seguendo le orme del padre, iniziò presto a dedicarsi alla psicoanalisi riuscendo a scoprire le le cause del ritardo mentale e fisico dei bambini svantaggiati che non avevano avuto una relazione stabile materna. Inoltre, è famosa per i feroci scontri con la collega Melanie Klein, che le criticava il fatto di studiare bambini in età troppo precoce.

Negli anni venti iniziò ad occuparsi sopratutto di psicoanalisi infantile, pubblicando in merito nel 1927 il libro ‘Introduzione alla tecnica della psicoanalisi infantile’ e divenendo qualche anno dopo direttore dell’Istituto di Formazione Psicoanalitica di Vienna . La sua opera più famosa è ‘L’Io ed i meccanismi di difesa’ del 1936 e parla dei meccanismi già scoperti dal padre ai quali aggiunge l’identificazione con l’aggressore, l’altruismo, l’ascetismo e l’intellettualizzazione.