Bruno Vespa e il plastico del kalashnikov: Twitter si scatena

vespa kalashnikovBruno Vespa– A stemperare involontariamente il clima parecchio teso e movimentato a causa dei tragici attentati di Parigi, ci ha pensato Bruno Vespa con un espediente tragicomico: il conduttore ha infatti pensato bene – nello speciale di ieri a ‘Porta a porta’ dedicato agli eventi francesi -di imbracciare un kalashnikov finto.

Vista la mancanza del tipico plastico che mostra durante gli speciali, ha pensato bene di proporre l’arma – filo conduttore di entrambi gli attentati a Parigi, scatenando l’ironia degli utenti di Twitter: “Cioè davvero Vespa ha fatto un tutorial su come usare un #kalashnikov a #portaaporta? Mi viene da piangere” oppure “Speriamo nel rinculo..”, tra i commenti più sagaci del Social.

Ciò si aggiunge al tono inadeguato dell’intero speciale che ha mostrato la scarsa copertura degli eventi di Parigi. Per capirlo basta leggere l’apertura della puntata di Vespa: “Cercheremo di capire, per quanto possibile, i misteri che stanno dietro questa angosciosa storia durata 56 ore. Per esempio, non sappiamo ancora quanti siano gli ostaggi, come sono stati presi, come sono state uccise le quattro persone dal terrorista appena entrato nel supermercato, con quali criteri, che cosa si sono detti, se è stata aperta una trattativa, il ruolo della donna e non è nemmeno sicurissimo se questa donna sia scappata…”. E’ lecito pensare che a volte sarebbe più opportuno concentrarsi sui contenuti piuttosto che sugli aspetti secondari, utili comunque a chiarire maggiormente gli eventi ma che di fronte a una evidente mancanza di contenuti diventano inutili, quando non addirittura ridicoli.