Il Refettorio, a Catania nel segno del connubio tra arte culinaria e letteratura

Il RefettorioL’idea non è nuova: almeno nel nome, in Italia altri luoghi legati alla ristorazione si chiamano così. La prassi di leggere durante il pasto, divenuta regola per ordine di san Benedetto, è stata ed è ampiamente seguita secondo svariate modalità nel corso dei luoghi e dei secoli. Ma in questo refettorio, c’è qualcosa di originale e, secondo noi, stimolante: la possibilità che si offre ai commensali di esprimere le proprie sensazioni su un cibo servito in tavola attraverso gli strumenti più consoni al carattere di ciascuno. Si può scriverne, in poesia o in prosa, disegnarne, realizzarne delle immagini video fotografiche: insomma, per restare in ambito letterario, a ciascuno il suo mezzo espressivo.

Altra caratteristica del luogo che ospita gli incontri letteroculinari, nonché sede dell’associazione culturale Officine Teatrali, è il rapporto di stretta integrazione fra spazio cucina e sala refettorio. Il primo penetra, quasi come una prua marinara, dentro il secondo, consentendo agli ospiti, non più di venti per cena, di vivere la filologica preparazione dei piatti che da lì a poco mangeranno.

Ancora, è da sottolineare l’aspetto formale della serata: pur nel clima associativo dell’evento, il rigore nella presentazione dei cibi e il garbo e la competenza degli ospiti, ciascuno per il proprio ambito, non hanno nulla di meno di un servizio pluristellato.

E per finire la rarissima dote della precisione nella scansione dei tempi della serata: come in un refettorio monastico, i momenti sono scanditi dal suono di una campanella. Così, la cena ha inizio alle 20 e 30 e dopo il servizio al tavolo, la degustazione di ciascuna portata è accompagnata dalla lettura dei brani letterari in cui si fa riferimento a essa. A cadenza di venti minuti si succedono le differenti portate e alle 22 viene servito il piatto fuori racconto e, chi vuole, può iniziare il suo di racconto creativo ispirato dal nuovo sapore. Dalle 23 si inizia la condivisione delle nuove creazioni che avrà come limite massimo la mezzanotte e mezza.

Per contatti: ilrefettorio@gmail.com
Pagina Facebook: Il Refettorio – Cibi e Parole d’Autore