Inps: cassa integrazione in calo del 6%

Cassa Integrazione

 

A fornire uno spaccato allarmante della situazione occupazionale italiana è stato ieri l’Inps che ha reso noti i risultati di un’indagine condotta sugli ammortizzatori sociali messi a disposizione dei lavoratori lasciati in stand-by dalle aziende.

Stando a quanto riportato dall’ente previdenziale, nel 2014, le ore di cassa integrazione concesse complessivamente sono state 1.111,8 milioni, il 5,97% in meno rispetto a quelle autorizzate nel 2013. E se si prende in considerazione solo l’ultimo mese del 2014, le ore di cassa integrazione concesse (pari a 89,4 milioni) sono calate del 4,95% su base annua e dell’11,3% rispetto al precedente mese di novembre.

Andando poi a distinguere per tipologie: le ore di cassa integrazione ordinaria autorizzate a dicembre 2014 sono state 17,6 milioni, il  25,52% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Una flessione che ha investito, con particolare enfasi, i settori dell’industria (-26,6%) e dell’edilizia (-21,9%). Rispetto al precedente mese di novembre, invece, il calo è stato più contenuto e si è fermato all’1,5%.

Le ore di cassa integrazione straordinaria concesse nell’ultimo mese del 2014 sono state 38,9 milioni (il 16% in meno rispetto all’anno precedente e il 13,6% in meno rispetto a novembre del 2014), mentre quelle di cassa integrazione in deroga (pari a 33 milioni) hanno fatto registrare un incremento del 36,16% su base annua e del 18,7% rispetto al mese precedente.

L’indagine condotta dall’Inps ha preso in esame anche le domande di indennità presentate da coloro che non hanno un impiego rilevando che, nel solo mese di novembre, sono state inoltrate all’ente previdenziale 136.609 domande di Aspi, 47.413 domande di mini Aspi, 732 domande di disoccupazione ordinaria e speciale e più di 13.700 domande di mobilità. Per un numero complessivo di 198.535 richieste che, comunque, risultano in calo del 10,5% rispetto a quelle presentate a novembre del 2013.