Home Lifestyle

Euro Health Consumer Index 2015, la sanità italiana si posiziona 21esima nella classifica europea

CONDIVIDI

Secondo la classifica di Euro Health Consumer Index 2014, che valuta i sistemi sanitari dei 37 paesi europei sulla base di 48 indicatori, analizzati mediante sondaggi, statistiche pubbliche e ricerche indipendenti, il nostro Paese si posiziona – con 648 punti su 1.000 – al ventunesimo posto, perdendo così una posizione rispetto al 2013.

In cima alla ricerca condotta dalla Health Consumer Powerhouse Ltd vi sono Olanda, che si posiziona prima per la quinta volta consecutiva, seguita dalla Svizzera, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Belgio, Islanda, Lussemburgo e Germania.

Arne Bjornberg, direttore della ricerca ha dichiarato: “Nonostante molti paesi registrino un lieve calo della spesa sanitaria, le prestazioni complessive nell’ambito della sanità continuano a migliorare”. “Nel 2014 in Europa vediamo chiaramente il sempre maggior aumento del ‘gap sanitario‘ fra Paesi ricchi e meno ricchi, l’effetto più ovvio dell’austerità”. “In Italia si osservano enormi divari delle prestazioni fra il Nord e il Sud, fra una Lombardia e una Calabria, divergenze che spiegano i mediocri risultati medi”.

Sempre sulla situazione italiana Bjornberg ha dichiarato: “Attendersi grandi riforme, che appaiono estremamente incerte, significherebbe prendersi in giro”. “Sembra più probabile attuare misure specifiche, come una forte svolta nella prevenzione antifumo, dato che quest’ultimo è una delle cause degli scarsi risultati dei trattamenti. L’eccessivo consumo di antibiotici va a braccetto con l’elevato livello di gravi infezioni ospedaliere: si tratta di una correlazione pericolosa, che andrebbe affrontata”.