Il pilota giordano Muaz Kasasbeah bruciato vivo, la barbarie non si ferma – VIDEO

Pilota Giordano bruciato vivoEnnesima riprova della barbarie rappresentata dal sedicente Stato Islamico: quest’oggi è stato diramato il video in cui il pilota giordano Muaz Kasasbeah – ostaggio dell’Isis dallo scoros 24 dicembre – viene bruciato vivo.

Dopo le copiose decapitazioni (spesso messe in dubbio dai cospirazionisti), un video che lascia ben poco spazio all’analisi a posteriori: vediamo infatti Muaz Kasasbeah dentro una gabbia, mentre si contorce avvolto dalle fiamme appiccate dagli aguzzini a poca distanza. Anche in questo caso, il video presenta un montaggio hollywoodiano, ma pensare che la barbara esecuzione possa essere un fake rappresenta assolutamente una follia.

Da sottolineare – per chi vuole proporre la aberrante logica della guerra tra religioni – come Muaz Kasbeah fosse musulmano. L’Isis non rappresenta un nemico per il mondo occidentale, ma per il mondo intero: già a prescindere alle immagini proposte in video, le narrazioni sulle quotidiane barbarità perpetrate dagli occupanti del territorio tra Iraq e Siria ; ancor più dinnanzi a questa strategia del terrore il Mondo ha il dovere di intervenire (in maniera, questa volta sì, convinta, senza accettare alcuna connivenza – vedi quella turca).

Di seguito, vi proponiamo il video (sconsigliamo fortemente la visione a persone sensibili, anche solo minimamente).

Per il video completo (ivi compresa l’introduzione), vi rimandiamo al sito di Servizio Pubblico.