Jobs Act: riprende il dialogo tra governo e sindacati?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:58

Camusso e Poletti

 

I rapporti tra il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali non sono dei più distesi. Il braccio di ferro sull’abolizione dell’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori che, come è noto, si è concluso con la “vittoria” del premier ha esasperato le tensioni con i sindacati che rimproverano al governo di sostenere una linea troppo filo-imprenditoriale.

In quest’ottica, l’invito che il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha ufficialmente rivolto ieri ai sindacati potrebbe essere letto come il tentativo di svelenire il clima. Oggetto della riunione – che si svolgerà mercoledì prossimo 18 febbraio, presso la Sala Massimo D’Antona del ministero del Lavoro – l’attuazione della legge delega sul lavoro, con particolare riferimento alla rideterminazione delle tipologie contrattuali

La notizia è stata accolta positivamente dalla leader della Cisl, Anna Maria Furlan: “E’ un incontro davvero importante per mettere mano alle tante forme contrattuali che hanno creato lavoro fintamente autonomo – ha detto la sindacalista – Finalmente mettiamo le mani su un capitolo che deve diventare davvero una pagina nuova dando un contratto a tempo indeterminato alle persone”. 

Chi non si fa troppe illusioni è, invece, la segretaria della Cgil, Susanna Camusso“Speriamo sia una discussione vera – ha commentato – Purtroppo l’esperienza di questi mesi è stata di monologhi sui quali non era possibile dire nulla. Nell’ultimo incontro sui decreti, non ce li hanno nemmeno presentati. Ma siamo sempre disposti – ha ironizzato sul finale la sindacalista – a farci stupire da effetti speciali“.

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!