Elisa è il nuovo coach di ‘Amici’ (assieme ad Emma, che torna per la seconda volta)

elisaElisa è il direttore artistico della ‘squadra blu’ della 14/a edizione di Amici 2015 Serale, il talent show condotto da Maria De Filippi. Elisa si dovrà scontrare con Emma, che ritorna per la seconda volta nella veste di coach squadra bianca.

La cantante salentina ha dichiarato di aver scelto di ritornare come coach di Amici, proprio dopo aver saputo della presenza di Elisa, dichiarando sui social: “Sono felice di mettermi al servizio della musica, sono onorata di condividere questo viaggio con un’artista che stimo profondamente e dalla quale ho tanto da imparare”.

Maria De Filippi ha dichiarato in merito ad Elisa: “Per me è davvero un onore e penso lo sia per i ragazzi e per il pubblico a casa. E’ qui per far conoscere una parte di sé che normalmente non viene vista, non è qui per vendere più dischi. E’ molto pignola, attenta e rispettosa della musica”.

Elisa su Facebook ha dichiarato: “Io vorrei provare ad aiutare questi giovani artisti a percorrere la strada più difficile, quella della sincerità, che però è anche la più solida, quella che non ti abbandonerà mai e che non verrà deviata da successi o fallimenti”. “Per quanto io possa essere sempre apparsa come una persona timida, sono in realtà anche molto ostinata e determinata, anche un po’ troppo testarda e mi piace tutto quello che riguarda l’esprimersi, tirar fuori quello che si ha dentro”.

“Sono qui perché credo di avere ancora tanto in comune con questi ragazzi e ragazze e per questo mi sento di poterli forse comprendere e aiutare a tirar fuori loro stessi, a far arrivare agli altri la loro energia, che è unica, perché siamo tutti unici e la vera magia in un artista credo esca proprio quando esce la sua unicità, l’originalità in ogni nota, in ogni sfumatura di una persona”. “Spero che le mie esperienze possano essere utili per questi giovani artisti che con coraggio si stanno mettendo in gioco. Indipendentemente dal tifo per i ‘bianchi’ o per i ‘blu’ sono certa che vinceranno la sana competizione, l’amore per l’arte e il rispetto reciproco”.