Istat: in crescita fatturato e ordinativi dell’industria

Industria

 

Confermati i pallidi segnali di ripresa nel comparto dell’industria italiana. Stando a quanto certificato dall’Istat, infatti, il fatturato delle nostre industrie, a dicembre 2014, è aumentato dell’1,4% rispetto al mese precedente, per effetto dei movimenti registrati sia sul mercato interno (+0,8%) che su quello estero (+2,8%).

Nel corso dell’intero anno, il fatturato complessivo ha, invece, fatto segnare una crescita minima (pari allo 0,1%) perché la flessione rilevata sul mercato interno (-1,2%) ha quasi interamente vanificato i buoni risultati ottenuti, invece, su quello estero (+2,9%). Rispetto all’anno precedente, il fatturato dell’industria del 2014 è dunque cresciuto dello 0,9%, con un calo del 2,1% sul mercato interno e un incremento del 7,4% sul mercato estero.

Più nel dettaglio: a dicembre 2014, il fatturato è cresciuto, rispetto al mese di novembre, soprattutto grazie alla realizzazione di beni strumentali (+2,1%), mentre la caduta più pesante l’ha fatta registrare il settore energetico (-1,8%). In termini tendenziali (ovvero rispetto all’anno precedente), invece, il fatturato dell’industria italiana è cresciuto soprattutto per effetto della fabbricazione dei mezzi di trasporto (+13,2%) ma si è anche arrestato per il “tonfo” rilevato nel settore del coke e dei prodotti petroliferi raffinati (-16,1%).

Buoni i risultati ottenuti, infine, sul fronte degli ordinativi, con un +4,5% registrato in termini congiunturali (rispetto a novembre 2014) e un +5,8% in termini strutturali (rispetto a dicembre 2013).