Istat: Pil tornerà a crescere nel primo trimestre dell’anno

Pil

 

A incoraggiare un po’ di ottimismo, questa volta, è anche l’Istat secondo cui “i segnali positivi sull’economia italiana si rafforzano”.

Nella nota mensile pubblicata ieri, l’istituto di statistica nazionale ha praticamente fatto il punto della situazione vaticinando, per il primo trimestre del 2015, un ritorno alla crescita del Pil. Un obiettivo importante, trainato dalla crescita del fatturato complessivo dell’economia italiana registrata nel quarto trimestre del 2014. Una crescita contenuta, pari allo 0,1% su base tendenziale, ma che segna comunque un’inversione di marcia.

E non bisogna trascurare i dati (resi noti solo qualche giorno fa) che hanno raccontato di un aumento del clima di fiducia tra i consumatori e gli imprenditori. Una ventata di ottimismo che potrebbe far ripartire i consumi e gli investimenti.

Non facciamoci, però, troppe illusioni: la situazione economica del nostro Paese rimane critica. Soprattutto sul fronte del mercato del lavoro che non mostra nessun chiaro segnale di miglioramento (il tasso di posti vacanti nei settori dell’industria e dei servizi è, infatti, rimasto stabile).

La buona notizia, in sintesi, c’è, ma non scomoda certo cifre importanti. La variazione congiunturale reale del Pil prevista per il primo trimestre del 2015 non dovrebbe andare oltre, infatti, lo 0,1%. Un piccolo passo avanti che, secondo l’Istat, verrà sostenuto dal contributo positivo dell’export, mentre l’import dovrebbe continuare a far registrare performance negative.