OpenPolis: le leggi delle Regioni snobbate dal Parlamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:24

Proposte di legge

 

Non sono solo il Governo e il Parlamento – come i più pensano – a poter proporre le leggi. Carta costituzionale alla mano, il potere d’iniziativa legislativa appartiene anche al Cnel (Consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro), ai cittadini e alle Regioni. Ma i risultati, per queste ultime “istituzioni”, sono quasi sempre penosi.

Delle 260 proposte di iniziativa popolare (validate dalla firma di 50 mila cittadini) che dal 1979 ad oggi sono state presentate al Parlamento, solo 3 sono diventate leggi. E non va molto meglio alle proposte avanzate dalle Regioni. A fare due conti è stato OpenPolis secondo cui, nell’attuale legislatura, delle 43 proposte di legge presentate dalle Regioni, solo 4 sono in discussione e nessuna è stata fin qui approvata. Numeri ancora più impietosi per la scorsa legislatura che ha fatto diventare legge solo 2 delle 73 proposte presentate dalle Regioni.

Tornando al presente: la regione più “propositiva” e “snobbata” insieme risulta essere la Puglia, con 8 proposte di legge nessuna delle quali in discussione alle Camere. A seguire la Sicilia, con 6 proposte tutte bellamente ignorate dal Parlamento e il Piemonte, con 5 proposte di cui solo una è diventata oggetto di discussione tra i parlamentari. Male anche la Lombardia e la Sardegna: le loro 4 proposte di legge (per ciascuna) non sono, infatti, riuscite ad attirare l’attenzione di senatori e deputati che – come è noto – preferiscono premiare le proposte del Governo.

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!