OpenPolis: giri di valzer al Senato

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:20

Risparmio, primo ok Senato a tetto 30% voti fondazioni

 

Non si creda che i “ripensamenti” politici angustino solo i deputati italiani. Anzi: stando al mini-dossier di OpenPolis (di cui vi abbiamo fornito una prima parziale revisione ieri), sono soprattutto i senatori della Repubblica a vivere, con travaglio, la loro appartenenza parlamentare. O per dirla in modo assertivo: a non disdegnare affatto l’idea di “cambiare casacca”.

Dai dati scrupolosamente raccolti da OpenPolis – e che riguardano l’attuale legislatura – emerge un saldo parlamentare positivo per il Ncd, che ha guadagnato 35 senatori; per il Gruppo Misto, che ne ha tesaurizzati 14 e per il Pd, che ne ha acquisiti 8 in più. Performance positive anche per il gruppo che riunisce gli autonomisti, i socialisti e i rappresentanti degli italiani all’estero, che ha guadagnato 7 senatori e per Gal (Grandi autonomie e libertà) che conta 6 senatori in più.

Saldo negativo, invece, per la Lega che, dall’inizio della legislatura, ha perso 2 senatori; per il Movimento 5 Stelle, che ne ha lasciati per strada 17 e per Fi-Pdl che, anche nella Camera presieduta da Pietro Grasso, ha fatto registrare il record di “abbandoni” con ben 30 senatori in meno.

E veniamo ai casi più spinosi, tra i quali troneggia quello di Luigi Compagna. Eletto nel gruppo Misto, Compagna è approdato prima a Gal e poi al Ncd, ma in preda a ripensamenti tormentosi ha poi deciso di ritornare a Gal. Tutto qui? Neanche per sogno: il travaglio che non dava pace al senatore lo ha spinto a ritornare sui suoi passi e a sedersi nuovamente accanto ai colleghi “alfaniani”.

“Giro di valzer” di lungo respiro anche per Paolo Naccarato che dalla Lega è passato a Gal quindi al Ncd e poi di nuovo a Gal. Mentre il senatore Jonny Crosio ha capito solo in corso d’opera di avere orientamenti politici più tendenti a destra: dal Gruppo Misto ha, infatti, deciso di transitare per un periodo in Gal per poi trovare il suo posto nei banchi della Lega.

Si è, invece, scoperto più “moderato” l’ex pentastellato Lorenzo Battista che ha scelto di abbandonare le posizioni barricadere dei suoi ex colleghi per approdare prima al Misto e poi nel gruppo Aut-Psi-Maie. E cosa dire dell’altra ex “grillina” Fabiola Anitori? Il suo “giro di valzer” l’ha portata ad esplorare territori inimmaginabili: il Ncd di Angelino Alfano nel quale attualmente milita, dopo una breve permanenza nel gruppo Misto.