Home Tempi Postmoderni Curiosità

Le leggende legate alle origini della ‘colomba pasquale’, tra re longobardi e santi

CONDIVIDI

colomba pasqualeLa Colomba,  tipico dolce pasquale del nostro Paese, ha origini molto antiche che sono legate a diverse narrazioni leggendarie. Una prima versione fa risalire la colomba ai tempi del del re longobardo Alboino, intorno alla metà del sesto secolo durante l’assedio di Pavia.

La storia narra che mentre il re Alboino rifletteva circa le sorti della città lombarda da lui assoggettata, ricevette in dono una colomba pasquale e ne fu talmente entusiasta da risparmiare la città e i suoi abitanti.

Secondo l’antica leggenda di San Colombano, sempre di epoca longobarda, l’abate Colombano nel 612 nell’atto di benedire un ricco pasto offertagli dalla regina Teodolinda in periodo quaresimale, questo si trasformò improvvisamente in colombe di pane dolce e da allora la colomba bianca divenne il simbolo iconografico sia del Santo che della Pasqua.

Un’altra leggenda sull’origine della Colomba, risale alla Battaglia di Legnano del 1176: secondo questa leggenda un condottiero lombardo per celebrare la vittoria contro Federico Barbarossa fece preparare dei pani speciali a forma di colomba, per rendere omaggio a tre colombe che durante la battaglia avevano ‘vigilato’ sulle loro insegne.

Inizialmente la colomba era un dolce a forma di ciambella fatto con soli tre ingredienti (uova, farina e lievito). Poi, nei primi del Novecento, è stata l’azienda di pasticceria Motta ad ideare la prima classica colomba pasquale. Il direttore dell’azienda lombarda ha semplicemente aggiunto all’antico dolce pasquale una copertura di pasta di mandorle ed un ripieno di frutta secca che ancora oggi lo contraddistingue.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram