Invalidità civile: al Sud uno su 4 percepisce l’assegno di invalidità.

L’Osserinvalidi-interna-new1.jpg1vatorio Inps sulle pensioni ha reso noto, riferendosi ai dati raccolti nell’anno 2013, che al Sud le pensioni di invalidità civile rappresentano il 22,96% del totale delle pensioni erogate – pari a 1,25 milioni su 5,47 milioni di assegni totali -, rispetto all’11,36% del Nord, ovvero meno di un milione su 8,77.

Sardegna, Calabria e Campania registrano il doppio delle erogazioni rispetto, ad esempio, Veneto e Piemonte.

Nonostante dalla metà del 2009 si sia sviluppata l’ennesima campagna contro i “falsi invalidi”, che ricevono una pensione di invalidità senza averne diritto, spesso con la connivenza di funzionari di enti o medici delle commissioni mediche, il fenomeno è ben lungi dall’essere eradicato.

Dall’inizio del 2010 a oggi gli indagati sono stati migliaia, centinaia quelle arrestati.

Negli ultimi 5 anni si è tentato di arginare il fenomeno serrando i controlli, così lo Stato ha recuperato 170 milioni di Euro, di cui 110 sono stati spesi per le verifiche, a prova che i risultati delle indagini, da parte dell’Inps e della Guardia di finanza, producono ancora scarsi risultati.

Per contro esistono invalidi veri cui le Commissioni mediche o l’INPS, in seconda istanza, abbassano la percentuale di invalidità fino a determinare la perdita di assegni o pensioni.

Quello dei falsi invalidi in Italia è un universo che non conosce confini – che le statistiche non sono in grado di quantificare -, e ahinoi, ancora una volta, il vergognoso primato spetta al Meridione.