Le Iene e la normalità descritta da una famiglia che adotta due bimbi con la Sindrome di Down

figli-down_980x571Le Iene– Ieri sera il programma condotto da Teo Mammucari e Ilary Blasi, “Le Iene”, ha lanciato un forte messaggio di civiltà e umanità attraverso il servizio che aveva come protagonista una famiglia composta da mamma Irene e da papà Giorgio che già avevano due figlie, Nicole di 22 anni e Graziella che ha 11 anni, e che ha deciso di adottare due bimbi affetti dalla Sindrome di Down ovvero Andrea di sei anni e Nicholas di 4 anni. Il motivo per cui hanno deciso di prendere una scelta così impegnativa? “Avevamo ancora amore da dare. La sindrome non è una malattia ma una condizione genetica. Non è curabile. Andrea e Nicholas sono così, bisogna accettare i loro tempi, il loro modo di esprimersi. Sono loro, e sono belli perché sono così”. Le figlie sono un grande aiuto per i genitori in quanto prendono il loro posto quanto entrambi non possono occuparsi dei figli e addirittura la più piccola dà una grande lezione a chi è più grande di lei, quando le si chiede se secondo lei i suoi fratelli sono diversi e lei risponde con un disarmante: “In che senso?”.