L’Italicum approda alla Camera. Ieri lettera di Renzi ai militanti Pd

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:15

Roma – Dopo gli ultimi botta e risposta tra il premier Renzi e la minoranza Pd, l’Italicum oggi approda alla Camera per la prima votazione.
In particolare, con scrutinio segreto si voteranno le tre pregiudiziali di costituzionalità presentate dalle opposizioni. Su queste il governo non ha posto la fiducia, ma è probabile che invece venga posta per il voto del 140 emendamenti presentati alla nuova legge elettorale, anche se, come ha ricordato la Serracchiani, l’obiettivo è evitare il voto di fiducia, “dopodiché è chiaro il governo farà le sue valutazioni anche alla luce dell’esito della giornata di oggi dove ci saranno dei passaggi fondamentali. Rispetto alla fiducia molto conterà anche la posizione delle altre forze politiche”.
L’obiettivo del governo appare quindi chiaro, rimandare alla prossima settimana solo il voto decisivo sul provvedimento.

La lettera di Renzi – E’ un giorno decisivo per il la tenuta del governo, lo si è capito anche dalla lettera inviata ieri da Renzi ai militanti del Pd: “Se questa legge elettorale non passa è l’idea stessa di Pd come motore del cambiamento dell’Italia che viene meno”. E ha ricordato che “c’è in ballo soprattutto la dignità del nostro partito”.
“La prima regola della democrazia è rispettare, tutti insieme, la regola del consenso interno. Quando ho perso le primarie, ho riconosciuto che la linea politica doveva darla chi aveva vinto. Adesso non sto chiedendo semplicemente lealtà; sto chiedendo rispetto per una intera comunità che si e’ espressa più volte su questo argomento, a tutti i livelli. Perché questa legge elettorale l’abbiamo cambiata tre volte per ascoltare tutti, per ascoltarci tutti. Ma a un certo punto bisogna decidere”.

 

Matteo Oliviero

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!