Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Italicum, il governo pone la fiducia

CONDIVIDI

Roma – Dopo il voto di stamane, quando la Camera ha respinto le pregiudiziali di costituzionalità presentate dall’opposizione con un’ampia maggioranza, il governo ha deciso di porre la fiducia sulla nuova legge elettorale.
Saranno tre infatti i voti di fiducia sugli articoli 1,2 e 4 dell’Italicum, decisivi per le sorti del governo, uno già domani dopo le 15:00, gli altri due rimandati a giovedì mentre il voto finale sul testo dovrebbe arrivare già a maggio.
Dopo anni di rinvii noi ci prendiamo le nostre responsabilità in Parlamento e davanti al Paese, senza paura”, è stato il commento espresso via Twitter dal premier, che ha lanciato un avvertimento ai suoi: “La Camera ha il diritto di mandarmi a casa se vuole: la fiducia serve a questo. Finché sto qui, provo a cambiare l’Italia”.

Opposizioni sul piede di guerra – Tutti i partiti di opposizione di sono scagliati contro la decisione del governo di porre la fiducia sul provvedimento.
E’ il funerale della democrazia”, ha commentato il capogruppo Sel Arturo Scotto. Mentre Renato Brunetta ha parlato di “fascismo renziano”.
Richieste di dimissioni ed elezioni anticipate sono invece arrivate dal Movimento 5 Stelle.

Caos nel Pd – Il voto di fiducia rischia di alimentare la spaccatura all’interno del Partito Democratico. Bersani affida a face book il suo commento: “La penso come Roberto Speranza. Sulla democrazia un governo non mette la fiducia. Si sta creando così un precedente davvero serio, di cui andrebbe valutata la portata. Questa fiducia io non la voterò”.
Dello stesso parere Cuperlo, che parla di “strappo ingiustificabile”, mentre l’ex premier Letta annuncia il suo “no” alla fiducia sulla legge elettorale.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram