Emma Marrone: su Facebook accusata di fascismo a sua insaputa

Nelle prime CDwafzVWAAAChb0ore del pomeriggio dello scorso martedì 28 Aprile 2015 – proprio quando ricorreva il 70esimo anniversario dell’assassinio di Benito Mussolini e dell’amante Clara Petacci -, il Movimento Sociale Fiamma Tricolore di Reggio Calabria, sulla pagina Facebook Msft, ha postato una foto che immortalava la cantante Emma Marrone col braccio destro sollevato, nel presunto atto di compiere il saluto fascista.

Il post – che riportava altresì il logo del movimento di estrema destra e la frase “Emma Marrone ricorda il 70°anniversario del barbaro massacro ai danni di Benito Mussolini» -, aveva ricevuto circa 450 like e altrettante condivisioni da parte dei supporter del movimento.

Immediatamente la diretta interessata ha preso le distanze da quell’infamante affermazione, dichiarandosi disgustata e del tutto estranea ai fatti.

La replica è arrivata sul suo profilo Twitter dove, appellandosi ai suoi fan, ha scritto: “Vi chiedo di segnalare questa pagina, naturalmente ci saranno dei provvedimenti legali, intanto due parole: SCHIFO E VERGOGNA”, e ancora: “mi dissocio da tanto orrore”.

L’immagine è stata chiaramente mal interpretata e forse volutamente strumentalizzata a suo discapito, poiché in realtà la cantante salentina nella foto si accingeva, come di consueto, a salutare i suoi fans.

Al momento gli amministratori della pagina Msft Reggio Calabria tacciono, non fornendo alcuna spiegazione circa l’accaduto.