Home Lifestyle Cucina & Ricette

“Tater Tats”: frutta e verdura di stagione da tatuare a sostegno dell’agricoltura

CONDIVIDI

uix_tatertats_(9)Mai sentito parlare dei “Tater Tats”, simpatici tatuaggini temporanei che riproducono ortaggi, verdure e frutta?

Il progetto Tater Tats: Temporary Tattoos for Farmers and Foodies nasce nel 2014 su Kickstarter – la più grande piattaforma di finanziamento al mondo destinata ai progetti creativi -, da un’idea di Jenna Weiler, coltivatrice e imprenditrice sociale del Michigan, per consentire a grandi e piccini di riconoscere e apprezzare in modo facile e divertente tutti i prodotti ortofrutticoli di stagione, sostenendo al contempo l’agricoltura a chilometro zero.

Spiega Jenna: “Questi tatuaggi “vegetali” temporanei, potrebbero rappresentare un modo divertente per educare i bambini e gli adulti a consumare cibo sano e di stagione, da acquistare con facilità presso i farmer markets”.

Come tutti i temporary tattoos durano tre giorni al massimo e sono atossici, “environmentally friendly” e facili da rimuovere, lavando la pelle con normale acqua e sapone.

I tatuaggi vengono raccolti in confezioni in base alle stagioni, al fine di informare i consumatori circa la disponibilità di frutta e verdura in un determinato periodo dell’anno e pertanto vanno rigorosamente sfoggiati in base alla stagionalità.

Dice Jenna: “Mi piacerebbe lavorare con aziende agricole e associazioni non-profit e impiegare il progetto Tater Tats in raccolte fondi. Favorire l’agricoltura sostenibile, sia impiegando le entrate per il lancio di nuovi progetti alimentari, sia per invogliare la gente a consumare vegetali”.