Nomisma: il 54% degli studenti gioca d’azzardo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:55

Gratta e vinciIn un Paese come il nostro in cui – complice la crisi – tentare la sorte in tabaccheria è diventato uno sport nazionale, monitorare il fascino che il gioco d’azzardo esercita sui più giovani può essere importante. A farlo è stato Nomisma che, in collaborazione con l’Università di Bologna, ha interpellato 14 mila ragazzi di età compresa tra i 14 e i 19 anni.

Ma partiamo dall’inizio: il gioco d’azzardo legalizzato è un business importante per lo Stato italiano. Stando ai calcoli di Nomisma, nel solo 2014, 24 milioni di italiani hanno sfidato almeno una volta la sorte comprando un “gratta e vinci” o facendo delle scommesse. Spendendo in totale qualcosa come 84,5 miliardi di euro, lo 0,3% in meno rispetto al 2013 ma il 100% in più rispetto al 2007. Di questi, 67 miliardi di euro sono ritornati ai giocatori sotto forma di vincite e 17,5 miliardi sono stati, invece, incassati dallo Stato, con un peso sul Pil pari all’1,1%.

Il fenomeno, insomma, non è affatto marginale. E non risparmia nessuno, neanche i giovani. Anzi: stando al monitoraggio di Nomisma e dell’università di Bologna, il 54% degli studenti intervistati (pari a 1,3 milioni di unità) ha tentato almeno una volta la fortuna e il 74% di loro ha dichiarato di spendere poco meno di 3 euro a settimana per il gioco d’azzardo autorizzato dallo Stato.

Ancora: il 30% del campione ha detto di essersi accostato al gioco per curiosità, il 23% per puro caso e il 14% per emulazione (ossia perché un gruppo di amici già giocava). A “sbancare” (anche) tra i giovanissimi è il “gratta e vinci”, che ha ottenuto il 38% dei consensi, seguito dalle scommesse sportive (25%) e dai giochi di abilità online (20%). E veniamo alla frequenza con cui gli studenti coinvolti nell’indagine hanno giocato. Stando ai calcoli di Nomisma, il 10% lo ha fatto con una sistematicità preoccupante (una o più volte a settimana), il 9% una volta al mese, mentre la restante quota (pari all’89%) ha fortunatamente giocato più raramente.

Quanto all’identikit del giovane giocatore d’azzardo, nel 63% dei casi è di sesso maschile e nel 64% dei casi vive al Sud. Di più: il 61% del campione attenzionato ha già compiuto 18 anni e frequenta quasi sempre istituti tecnici (60%) o professionali (59%). E non bisogna trascurare il fatto che chi gioca sin da giovanissimo lo fa perché spesso – nel 65% dei casi – lo fanno mamma o papà (o comunque qualche membro della famiglia). E tra i più “incalliti” ci sono coloro che non eccellono in matematica: il 68% dei giocatori under 20 non è, infatti, riuscito a rimediare un 6 in pagella.

Ma il focus di Nomisma e dei ricercatori dell’università di Bologna è andato oltre: sulla scorta di un indicatore internazionale, è emerso infatti che il 6% degli studenti italiani ha un approccio problematico al gioco che si manifesta attraverso disagi psico-emotivi e relazionali. Di contro, il 38% si pone in maniera positiva nei confronti del gioco al quale sembra attribuire il giusto peso nella sua dimensione sociale ed emotiva.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!