Ministro Madia: licenziare chi timbra e se ne va a casa

ministro madia
Ministro Madia: licenziare chi timbra e se ne va a casa

Non si parla d’altro da alcuni giorni a questa parte: ci riferiamo allo scandalo che sta coinvolgendo la classe dei dipendenti pubblici, con molti lavoratori che timbrano e se ne vanno (qualche tempo fa è stato documentato perfino un dipendente che è venuto in ufficio in pigiama, ha timbrato ed è tornato a casa). Sullo scandalo è intervenuto varie volte il governo, annunciando misure drastiche se questa piaga dei lavoratori non terminerà.

Sulla vicenda è recentemente intervenuta il ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Mania, che ha affermato: “Un dipendente pubblico che dice che va a lavorare e poi ci non va deve essere licenziato”. Questa frase è stata pronunciata in occasione delle recenti cronache dei numerosi dipendenti statali e comunali che facevano finta di stare a lavoro con finti badge o autorizzazioni firmate da terze parti. Il ministro ha infine precisato che non tutti i dipendenti sono fannulloni, ma che un manipolo di essi comportandosi in questo modo contribuisce ad arrecare un danno all’Italia ed alle aziende, oltre che ai servizi per i cittadini.